chiudi× Contattaci +39.06.90405335

La ruota sensoriale sinestetica - di Luca Maroni

Definizione di Sinestesia

La sinestesia è il fenomeno sensoriale-intellettivo consistente nell’insorgenza di una sensazione auditiva, e/o visiva, e/o olfattiva in concomitanza di una stimolazione-percezione di natura sensoriale diversa, ad esempio gustativa e/o tattile.
Il fenomeno per cui la stimolazione di un canale sensoriale produce, oltre alla percezione specifica del canale attivato, anche la percezione di un altro o più canali sensoriali.
 
Fra tutti i nostri sensi esiste un nesso profondo, a testimoniare la straordinaria capacità dell’essere umano di avvertire un sentire complesso, come insondabile, ma incredibilmente ricco di sfumature e inter-connessioni. Ciò vuol dire che una sollecitazione percepita da un dato organo di senso, nel momento in cui è letta dal cervello può stimolare e accendere nella nostra mente un riflesso sensoriale riguardante (afferente) un altro organo di senso. Suoni e/o note musicali possono ad esempio evocare un colore, oppure richiamare una sensazione tattile. Un dato profumo richiama un tale gusto il cui vibrar evoca una certa sensazione auditiva, ecc..
 
Questo fenomeno sensoriale/percettivo, noto con il termine sinestesia (dal greco syn aisthànomai = percepisco insieme), indica proprio la "connessione-convibrazione" fra diversi sensi nel momento in cui una percezione ha luogo ed è mentalmente elaborata. 
Le sinestesie sono da tempo studiate nelle scienze neuro-cognitive, nella Consumer Science (Analisi Sensoriale applicata alla valutazione della qualità dei prodotti esistenti), sono utilizzate dai produttori di vari beni (in particolar modo di alimentari) per ottimizzare le loro performance commerciali. Ognuno di noi le conosce e/o ne ha fatto esperienza diretta nel loro impiego in letteratura e poesia: sono espressioni immaginative e penetranti, che ci ricordano che siamo un unico organismo articolato e che tutti i nostri canali percettivi concorrono, insieme, a determinare le nostre esperienze sensoriali e intellettive vitali.

Eccone alcune: “voci di tenebra azzurra” (Giovanni Pascoli, La mia sera, v. 37); “fresche le mie parole” (Gabriele D’Annunzio, La Sera Fiesolana, v. 1); “le trombe d’oro della solarità” (Eugenio Montale, I Limoni, v. 49).

RUOTA SENSORIALE SINESTETICA

La sinestesia evidenzia una simultanea poli-sensorialità del sentire che viene per la prima volta posta a sistema e raccordata nella Ruota Sensoriale Sinestetica.
Tale lavoro è frutto dell’intuizione e dell’ideazione di Luca Maroni, della summa della sua trentennale esperienza professionale da Analista Sensoriale, della summa delle attuali conoscenze scientifiche mondiali sulla sinestesia.
 

DEFINIZIONE DI RUOTA SENSORIALE SINESTETICA

La Ruota Sensoriale Sinestetica di Luca Maroni è il primo modello cognitivo-rappresentativo che individua e codifica il rapporto intercorrente fra una sensazione percepita da un dato senso, e il dettaglio delle altre sensazioni contemporaneamente-corrispondentemente percepite e/o percepibili dagli altri sensi.
La Ruota Sensoriale Sinestetica - per la prima volta in termini di sistema - vuole rispondere a domande quali:
Che rapporto hanno tra di loro l’insieme di tutte le sensazioni percepibili dall’uomo? Quando il mio olfatto avverte un certo profumo, la mia bocca un dato sapore, che tatto e che suono, che colore ha o avrebbe quella sensazione olfattiva?
Quale l’universale interconnessione fra le varie vene umane del sentire? ”.
 
Le proposte di sistema sino ad oggi elaborate riguardano, come nel caso delle ruote dei colori o dei profumi, solo i singoli sensi, e tutte escludono -per il senso della vista- il colore bianco e il nero. Strano, giacché il bianco e il nero non sono ai nostri occhi “eccezioni”, o scherzi inavvertiti e invisibili dello spettro dei colori: sono veri e proprio colori di cui pitturiamo le pareti o di cui vestiamo capi d’abbigliamento.
In tal senso, la Ruota Sensoriale Sinestetica di Luca Maroni è la prima raffigurazione sistematica dei rapporti sinestetici che intercorrono nell’umano spettro sensoriale: evidenzia l’essenza del percepibile da ogni organo di senso, e raffigura il riflesso che ogni percezione sensoriale vissuta da un determinato senso provoca in ognuno degli altri.
Evidenzia quindi il sistema di relazioni fra i cinque sensi e rappresenta un sistema di poli-sensorialità, di ricchi richiami percettivi nel quale ognuno di noi può addentrarsi e ritrovarsi.
 
L’esito grafico-visivo di questo lavoro è una ruota multicolore di fascino particolarissimo: evoca il poliedrico riverbero degli arcobaleni e non a caso rimanda alla magia dei mandàla (dal sanscrito = cerchio), i pittogrammi simbolici che nella tradizione religiosa oriental
e rappresentano l’ineffabile, olistica e ologrammatica ricchezza del cosmo.
 
E proprio in questa multidimensionalità sensoriale umana sin qui non posta a sistema che risiede la genesi e il significato della ricerca che Luca Maroni ha compiuto: la creazione di un modello che evidenzi e rappresenti il modo in cui i diversi sensi umani sono fra loro rapportati e interconnessi, e/o come tutti riverberino conseguentemente, armoniosamente, al dato sentir d’uno solo.
 
ACQUISTA POSTER
 

Proprietà intellettuale riservata. Tutti i diritti riservati. - Copyright © 2017 SENS s.r.l.

 

Senso della vista

Di tipo: fsico.
Sensazione: colore.
Agente: radiazioni lumen.
Recettore: occhio.
Descrittore: lunghezza delle onde luminose.
Lunghezza delle onde: 14 colori, 12 fondamentali
(primari, secondari, terziari) + bianco + nero

Senso dell'olfatto

Di tipo: chimico.
Sensazione: profumo.
Agente: molecole chimiche volatili compositive.
Recettore: naso.
Descrittori:
1) tendenza gustativa del profumo: dolce, acido (linfatico/clorofilloso), amaro (tannico), salato (sapido/succoso/maturo).
2) forma del profumo: sferico, acuto, retto verticale, retto orizzontale, piano, rotondo

Senso del gusto

Di tipo: chimico.
Sensazione: sapore.
Agente: molecole chimiche compositive.
Recettore: bocca.
Descrittori: 4 sensazioni gustative fondamentali.
Sensazioni gustative fondamentali:
dolce, acido (linfatico/clorofilloso), amaro (tannico),
salato (sapido/succoso/maturo).

Senso del tatto

Di tipo: fisico.
Sensazione: qualità del con-tatto con l’epidermide.
Agente: materia compositiva.
Recettore: superficie esterna del corpo.
Descrittori:
1) temperatura: fresco, tiepido, linfatico, temperato, freddo,caldo, solare.
2) igrometria: bagnato, umido, turgido, asciutto, disidratato, secco.
3) consistenza: flessibile, rigido, compatto, resistente, duro, malleabile, morbido, cedevole.
4) forma dell’oggetto del contatto: piano, verticale, acuto, puntuto, tagliente, smussato, orizzontale, tondo

Senso dell'udito

Di tipo: fisico.
Sensazione: suono.
Agente: vibrazione aerea di onde di variazione
di pressione di un corpo.
Recettore: orecchio.
Descrittore: frequenza delle onde sonore.
Frequenza delle onde: alte, medie, basse

Ruota Sensoriale Sinestetica Versione 1.0 - Gennaio 2017 Produced and edited by SENS - www.lucamaroni.com
Elaborazione grafca: Susanna Sordell
 
 
 
Vuoi acquistare il poster 70x100 della ruota sensoriale sinestetica?
Paga con PayPal e la riceverai entro 3 giorni con spedizione gratuita in Italia